sabato 16 dicembre 2017
Fai diventare questo sito la tua Home Page  Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti  Contattaci  Ricerca nel sito
Home page

uggs sko louis vuitton oslo nike sko polo ralph lauren dame louis vuitton norge oakley norge parajumpers norge oakley briller polo ralph lauren salg moncler jakke ray ban solbriller canada goose norge ray ban norge woolrich jakke parajumpers salg



La storia dell'Istituto La Salle

La storia dell'Istituto La Salle inizia nel 1950 e si deve alla decisione di spostare la sede della scuola di Santa Teresa in Corso Italia.
La scelta del luogo, anche se allora molto periferico e poco abitato, fu molto indovinata. Situato alla periferia sud ovest di Roma, la collina, sulla quale si procedette per costruire la nuova scuola, offriva ed offre tuttora un panorama fantastico.
A Fratel Domenico Lucci fu affidata la direzione del nascente complesso scolastico, situato al centro di una proprietà di quasi otto ettari di terreno.
Il nuovo direttore iniziò una bonifica della campagna circostante e provvide alla piantagione di alberi da frutta e alla sistemazione di alcuni viali.
Poco tempo dopo la cerimonia della prima pietra, e precisamente il 6 novembre 1950, nonostante una situazione molto precaria, si volle cominciare ugualmente la scuola.
Si iscrissero 12 alunni, affidati a Fratel Renato Leonardi che rimase così nella storia quale primo insegnante della scuola del Colle La Salle.


Nel 1956 andò in porto il progetto di ampliamento dell'Istituto con il raddoppio della costruzione che divenne davvero imponente, con i suoi circa 80 metri di lunghezza e i quattro piani di altezza.
Nel 1997 si resero necessari lavori di restauro: fu il momento più adatto per ristrutturare alcuni ambienti ricavando una cappella, un'utilissima sala (attualmente scuola materna) e un bel teatro.
Fu quello l'anno in cui si dovette cedere al Comune una parte del terreno: scomparve la fattoria, la vigna e molta parte del frutteto. 
In quel momento si pensò ad una diversa destinazione del terreno circostante il fabbricato e si optò per strutture sportive più complete: sorse così il campo di calcio e si asfaltò il cortile.
Nel 1980 il grande numero di alunni e la forte pressione dei genitori portarono all’apertura della scuola media che raddoppiò le sezioni nel 1986, dopo la chiusura della scuola Mastai.
Nel 1983 arrivava un gruppo di Fratelli anziani che si sistemarono nella nuova confortevole costruzione riservata ai religiosi a riposo.
Il complesso prendeva in tal modo la fisionomia che ha oggi.
Nel 1989 si inaugurò la palestra e nel 1994 i campi di calcio in erba sintetica. L'ultima nata è stata la scuola materna aperta nell'anno Santo 2000.
Oggi, grazie al lavoro di decine di Fratelli e di Insegnanti laici, si presenta con un bilancio altamente positivo (una sezione di scuola materna e due di scuola elementare e media) dotata di spazi adeguati e riccamente attrezzata.

San Giovanni Battista de La Salle

Fondatore dell’ Istituto dei Fratelli delle Scuole Cristiane, Patrono degli Educatori Cristiani.


 

Giovanni Battista De La Salle nacque in un mondo molto diverso dal nostro. Primogenito di genitori facoltosi vissuti in Francia circa 300 anni fa, Giovanni Battista De La Salle nacque a Reims, ricevette la tonsura all’età di undici anni e a sedici divenne Canonico della Cattedrale di Reims. Alla morte dei suoi genitori, pur avendo dovuto assumersi l’onere dell’ amministrazione del patrimonio familiare, completò gli studi di Teologia e fu ordinato sacerdote il 9 Aprile 1678. Due anni dopo ottenne il dottorato in Teologia. In quello stesso periodo, si impegnò con un gruppo di giovani uomini di modesta estrazione sociale e culturale, nel tentativo di istituire scuole per ragazzi poveri.

 

All’epoca solo pochi vivevano nel lusso, mentre la maggioranza era nell’indigenza; il popolo viveva miseramente nelle campagne o in squallidi tuguri nei centri urbani. Pochi privilegiati potevano mandare i loro figli a scuola e i giovani avevano, in genere, poche speranze per il futuro. Spinto dalla constatazione della triste condizione dei poveri che sembravano così “lontani dalla salvezza” in questo mondo come nell’altro, Giovanni Battista De La Salle decise di mettere le sue qualità e la sua cultura superiore al servizio dei giovani “così spesso abbandonati a se stessi e lasciati crescere privi di cure”. Per meglio realizzare il suo intendimento, abbandonò la casa paterna, si unì ai maestri, rinunciò al rango di Canonico e al suo patrimonio e formò una comunità che divenne nota col nome di Fratelli delle Scuole Cristiane.

L’opera di De La Salle fu contrastata dalle autorità ecclesiastiche che si opponevano alla creazione di una nuova forma di vita religiosa, una comunità di laici consacrati che gestivano scuole gratuite “insieme e per associazione”. I metodi innovativi e l’insistenza sulla gratuità dell’insegnamento per tutti, indipendentemente dalle possibilità economiche degli studenti, suscitarono l’ostilità degli ambienti didattici del tempo. Ciò nonostante, De La Salle e i suoi Fratelli riuscirono a creare una rete di scuole di qualità diffuse in tutta la Francia. In queste scuole, l’istruzione veniva impartita in Francese, gli studenti erano raggruppati per capacità e profitto, c’era integrazione tra istruzione religiosa e discipline di studio, gli insegnanti erano ben preparati e consapevoli della loro vocazione e missione educativa, alla quale anche i genitori degli alunni erano chiamati a partecipare. Inoltre, De La Salle fu all’avanguardia nella sperimentazione di programmi per la formazione dei docenti laici, di corsi domenicali per giovani studenti lavoratori e realizzò, in Francia, uno dei primi istituti per il recupero dei carcerati. Consumato dagli stenti e dalle fatiche, morì a Saint Yon, vicino Rouen, il Venerdì Santo del 1719, poche settimane prima del suo sessantottesimo compleanno.

Giovanni Battista De La Salle fu pioniere nella fondazione di scuole di formazione per insegnanti, scuole di recupero per carcerati, scuole professionali, scuole superiori di Lingue Moderne, Arti e Scienze. La sua opera si diffuse rapidamente in Francia e, dopo la sua morte, continuò a diffondersi nel mondo. Nel 1900, Giovanni Battista De La Salle fu proclamato Santo. Nel 1950, per la santità della sua vita e la forza dei suoi scritti, fu dichiarato Santo Patrono di tutti coloro che operano nel campo dell’educazione. Egli seppe indicare agli altri un modo nuovo di insegnare e assistere i giovani, incoraggiò a rispondere con la compassione a errori e debolezze, a rassicurare, rafforzare, curare. Attualmente, nel mondo, le scuole lasalliane sono presenti in circa 80 Paesi.

L'Istituto “Colle La Salle” di Roma è una scuola cattolica e più propriamente lasalliana, poiché si ispira alle concezioni pedagogiche di Giovanni Battista de La Salle.

 

SAN GIOVANNI BATTISTA DE LA SALLE

Nacque a Reims nel 1651, primogenito di una ricca famiglia dell’aristocrazia francese, sacerdote a 27 anni e canonico della cattedrale di Reims.

Da ricco che era, ha voluto farsi povero ed ha iniziato un’opera educativa straordinaria, offrendo la possibilità di apprendere gratuitamente a tutti coloro che non avevano mezzi economici. Nel 1682 nacque la prima comunità religiosa dei Fratelli ed ebbe inizio la graduale apertura di numerose scuole. Morì a Rouen nel 1719. Nel 1900 la Chiesa lo proclamò santo. Nel 1950 Pio XII lo dichiarò “Patrono di tutti gli educatori”.

 

Principali intuizioni socio-pedagogiche del De La Salle

·         dà vita alla scuola popolare, aperta a tutti i ceti sociali;

·         si impegna perché la scuola sia luogo di promozione della giustizia e della dignità umana;

·         rinnova pedagogia e metodologia con programmi didattici articolati;

·         utilizza nel corso delle lezioni la lingua locale (e non più il latino);

·         istituisce le scuole di formazione per gli insegnanti;

·         apre scuole domenicali per i lavoratori.

 

Oggi il mondo lasalliano è diffuso nei cinque continenti e comprende ogni grado e ordine di studi: dai centri universitari, alle scuole di alfabetizzazione tra gli emarginati.

Il cuore di questa realtà è la Casa Generalizia di Roma, dove risiede il Superiore Generale e il suo Consiglio.

 

In ambito italiano la nostra scuola è una delle 24 istituzioni scolastiche, 2 residenze universitarie e sei centri educativi che operano nel campo sociale.

 

PERCHÉ ISCRIVERE MIO FIGLIO/A ALLA SCUOLA “COLLE LA SALLE”?

 

Perché la nostra scuola non pensa solo ad istruire, a trasmettere nozioni, ma ha come fine principale la piena valorizzazione di tutte le dimensioni della persona umana. I bisogni e le aspirazioni di ogni alunno sono presi sul serio e valorizzati in un successo di crescita che porta alla piena espressione della sua umanità.

 

La comunità educante è composta da insegnanti religiosi e laici, ma è molto importante il ruolo dei genitori per le possibilità di dialogo che l'Istituto offre, per la loro partecipazione negli Organi Collegiali e nelle varie attività proposte nel corso dell’anno.

 

I valori caratteristici che la nostra scuola vive e propone sono:

ü grande attenzione alla "persona" dell'alunno, considerato come il protagonista del progetto educativo;

ü proposta educativa fondata sui valori cristiani e sociali: pace, giustizia, fraternità, rispetto e solidarietà.

ü aggiornamento didattico costante dei docenti per una "scuola di qualità";

ü spirito di comunità e di fraternità (incontri, conferenze, gite, feste, recite, giochi …)

 

 

 



Salva questo testoStampaTorna alla pagina precedente
Istituto - “Colle la Salle” - Via dell'Imbrecciato,181 - 00149 Roma (RM) - Tel. 06/5521001/2/3 - Fax 06/55261661 - segreteria@collelasalle.it - P.I. 02113801001
Istituto “Colle la Salle” - P.I. 02113801001 - Ver. 1.0 - Copyright © 2017 Prov. Congr. F.S.C. - Istituto “Colle la Salle” - Privacy policy - Powered by Soluzione-web